Spillature e birra - Rievoca Beer - Shop & Drink
428
post-template-default,single,single-post,postid-428,single-format-standard,ajax_updown,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Spillature e birra

Spillature e birra

Il servizio perfetto della birra consente non solo di esaltarne il gusto e preservarne le proprietà organolettiche, ma anche di far rivivere la storia e le origini della birra stessa. Inoltre, la spillatura perfetta si traduce nella formazione del cappello di schiuma, che varia sia in base alla tipologia di birra sia alla tecnica di spillatura stessa.
Servire una birra, che provenga da fusti, bottiglie o lattine, non è un’azione scontata: è necessario osservare una ritualità ben precisa e codificata nel tempo. Il servizio corretto della birra consente difatti di versare nel bicchiere la bevanda esaltando al meglio la ricetta e il gusto voluti dal mastro birraio.

La spillatura dalla bottiglia deve essere effettuato con gentilezza ed eleganza, movimenti fermi ma mai sbrigativi o frettolosi.
Innanzitutto, il bicchiere va risciacquato con acqua fredda per fare abbassare la temperatura del vetro, evitando shock termici al prodotto, e per mantenere la schiuma compatta e far si che non scivoli e non si “sciolga” a contatto con le pareti. Basta un residuo, anche minimo, di sostanze grasse nel corpo e sui bordi per abbattere la schiuma e rendere inutile tutto il procedimento di spillatura. Una volta risciacquato il bicchiere, si può iniziare a servire spillando dalla bottiglia, tenendo un’inclinazione del calice di 45°. È importante mantenere un movimento costante e deciso, raddrizzando il bicchiere mano a mano e dosando la distanza tra bicchiere e bottiglia al fine di creare un cappello di schiuma alto due dita e ben compatto.


La birra non scade!

Nel campo alimentare, l’indicazione “Da consumarsi preferibilmente entro il:” specifica fino a quando il produttore garantisce le  caratteristiche organoletticge originali del prodotto. Nel caso della birra, il birraio garantisce che la birra manterrà il gusto e gli aromi che lui ha voluto creare.

Dopo tale data la birra è sempre buona! Quelle artigianali, essendo vive, evolveranno e cambieranno i propri aromi: le birre molto luppolate potrebbero perdere un po’ di profumo, le birre molto alcoliche acquistano toni più ‘vinosi’ ed in alcuni casi miglioreranno con il tempo.

Altra cosa è la dicitura “Da consumarsi entro:” ma non è il caso della birra!

Quindi usate un po’ di buon senso nell’assaggio e non disperate!



SEGUICI E SCOPRI TUTTI GLI EVENTI IN PROGRAMMA!