Spillature e birra - Rievoca Beer - Shop & Drink
428
post-template-default,single,single-post,postid-428,single-format-standard,ajax_updown,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Spillature e birra

Spillature e birra

Il servizio perfetto della birra consente di esaltarne il gusto e preservarne le proprietà organolettiche; si traduce nella formazione del cappello di schiuma, che varia sia in base alla tipologia di birra sia alla tecnica di spillatura stessa.
Servire una birra, che provenga da fusti, bottiglie o lattine, non è un’azione scontata: è necessario osservare una ritualità ben precisa e codificata nel tempo. Il servizio corretto della birra consente difatti di versare nel bicchiere la bevanda esaltando al meglio la ricetta e il gusto voluti dal mastro birraio.

La spillatura dalla bottiglia deve essere effettuato con gentilezza ed eleganza, movimenti fermi ma mai sbrigativi o frettolosi.
Innanzitutto, il bicchiere va risciacquato con acqua fredda per fare abbassare la temperatura del vetro, evitando shock termici al prodotto, e per mantenere la schiuma compatta e far si che non scivoli e non si “sciolga” a contatto con le pareti. Basta un residuo, anche minimo, di sostanze grasse nel corpo e sui bordi per abbattere la schiuma e rendere inutile tutto il procedimento di spillatura. Una volta risciacquato il bicchiere, si può iniziare a servire spillando dalla bottiglia, tenendo un’inclinazione del calice di 45°. È importante mantenere un movimento costante e deciso, raddrizzando il bicchiere mano a mano e dosando la distanza tra bicchiere e bottiglia al fine di creare un cappello di schiuma alto due dita e ben compatto.


La birra non scade!

Nel campo alimentare, l’indicazione “Da consumarsi preferibilmente entro il:” specifica fino a quando il produttore garantisce le  caratteristiche organoletticge originali del prodotto. Nel caso della birra, il birraio garantisce che la birra manterrà il gusto e gli aromi che lui ha voluto creare.

Dopo tale data la birra è sempre buona! Quelle artigianali, essendo vive, evolveranno e cambieranno i propri aromi: le birre molto luppolate potrebbero perdere un po’ di profumo, le birre molto alcoliche acquistano toni più ‘vinosi’ ed in alcuni casi miglioreranno con il tempo.

Altra cosa è la dicitura “Da consumarsi entro:” ma non è il caso della birra!

Quindi usate un po’ di buon senso nell’assaggio e non disperate!



SEGUICI E SCOPRI TUTTI GLI EVENTI IN PROGRAMMA!